L’Autorità garante: tutelare i diritti dei minorenni a bordo della Diciotti

“Dalle notizie delle ultime ore emerge che a bordo della nave della Guardia Costiera ‘Diciotti’, che risulterebbe trovarsi in acque italiane, ci sarebbero una trentina di minori stranieri non accompagnati. Come Autorità garante chiamata a verificare che siano tutelati i diritti di bambini e ragazzi presenti in Italia, mi preme ricordare che, a norma della legge 47/2017, questi ragazzi non possono essere respinti. Si tratta di minorenni e, a prescindere dall’essere migranti o stranieri, sono titolari di diritti: alla vita, alla sopravvivenza, allo sviluppo, alla protezione e alle cure. Nei loro confronti la legge non consente respingimenti o quote di accoglienza”. Ad affermarlo l’Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza, Filomena Albano.

“A esigere ciò, come ho già avuto modo di sostenere, non c’è solo la Costituzione italiana, che reclama l’attuazione del principio di solidarietà e di protezione dell’infanzia e della gioventù. C’è pure la Convenzione sui diritti dell’uomo, perché i bambini e i ragazzi sono prima di tutto persone, nonché la Convenzione Onu sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, che è il faro che guida il cammino di questa Autorità”.

Galleria