ENYA, il lavoro a Barcellona sulle raccomandazioni per Parigi

Stigma, educazione, supporto e finanziamento, media. Sono quattro gli ambiti tematici emersi nel corso del Forum ENYA 2018 di Barcellona “Let’s talk young, let’s talk about mental health”, dedicato alla salute mentale. All’incontro di Barcellona hanno partecipato, il 28 e 29 giugno, due ragazzi, accompagnati dall’ufficio dell’Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza, in rappresentanza del team italiano (per saperne di più leggi qui).

Le due giornate di Barcellona

Nella prima giornata si sono svolti “giochi rompighiaccio” per facilitare la conoscenza reciproca dei ragazzi, sono state presentate le attività svolte in ciascuno dei nove Paesi partecipanti e raccontate le rispettive esperienze. I rappresentanti italiani hanno proiettato una presentazione e i brevi video che documentano il lavoro svolto. Quindi si è svolto un laboratorio creativo sull’argomento del forum animato dalla Consulta giovanile del Vice garante della Catalogna. I ragazzi presenti sono stati coinvolti in una canzone a tema.

La presentazione del contributo del team italiano
La presentazione dei risultati del team italiano da parte dei rappresentanti dei ragazzi

La seconda giornata è stata dedicata invece al confronto tra ragazzi e i garanti di Francia, Scozia e Catalogna. Alla discussione è seguita la redazione delle raccomandazioni collettive sulla salute mentale. Molte di quelle italiane sono state condivise dai partecipanti degli altri Paesi. Il frutto di tale lavoro sarà portato a Parigi dal 19 al 21 settembre prossimi in occasione della Conferenza annuale dell’ENOC, la rete europea dei garanti per l’infanzia e l’adolescenza, alla quale parteciperà un ragazzo per ogni Paese coinvolto dal progetto ENYA.