20
Ottobre
2017

L’Autorità garante a Firenze per il primo corso di formazione per tutori volontari

“In Toscana oggi ci sono quasi 650 minori stranieri non accompagnati. Sono ragazzi soli, che arrivano nel nostro paese dopo aver affrontato un viaggio lungo e difficile. Sono ragazzi fragili e vulnerabili, che hanno bisogno di una guida che li aiuti a orientarsi in una realtà che non conoscono. Per ciascuno di loro la nuova legge in materia di protezione dei minori stranieri non accompagnati, prevede che sia nominato un tutore che lo accompagni verso la maggiore età e che condivida con lui tempo libero ed esperienze, aiutandolo a orientarsi sia negli adempimenti burocratici che nelle scelte di vita”. Così l’Autorità garante dell’infanzia e dell’adolescenza, Filomena Albano, ha riassunto il ruolo e i compiti del tutore volontario inaugurando questa mattina, nella sede dell’Istituto degli Innocenti di Firenze, il primo corso di formazione per aspiranti tutori organizzato dall’Autorità con il supporto dello European Asylum Support Office (EASO).

Nei prossimi quattro giorni i 50 cittadini che si sono resi disponibili ad assumere l’incarico di tutore prenderanno parte ai tre moduli formativi in cui è strutturato il corso, per poter acquisire una conoscenza il più possibile approfondita delle funzioni da svolgere e dei soggetti con i quali dovranno relazionarsi.

 

I saluti della Garante

 

 


 

Articoli correlati