Libera-mente: gli studenti di Afragola e le tecnodipendenze

L’Ufficio dell’Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza ha partecipato questa mattina all’evento organizzato dagli alunni dell’istituto comprensivo Europa Unita di Afragola (Napoli) a conclusione del progetto “Libera-mente”. Il progetto, realizzato dall’Agia in collaborazione con l’Istituto Don Calabria, intende promuovere tra i ragazzi corretti stili di vita, trasmettendo conoscenze e strumenti utili a riconoscere le nuove forme di dipendenza e insegnando a vivere ogni età in modo pieno e consapevole.

L’evento è stato aperto con l’esecuzione da parte dei ragazzi dell’Inno d’Italia. Il percorso educativo svolto dagli studenti dell’istituto di Afragola si è focalizzato in particolare sul tema delle tecnodipendenze, lavorando con i docenti referenti e il gruppo dei peer educator sull’uso sano e su quello patologico dei dispositivi tecnologici. I ragazzi hanno illustrato i dati di una ricerca – compiuta attraverso la somministrazione di questionari ad adulti e coetanei – sui tempi, sulle modalità di utilizzo e sul ruolo dei social network nella loro vita.

Prodotta anche una serie di cartelloni con messaggi e slogan su dipendenze da tecnologia e tempo libero. La “giornata ideale” descritta dagli studenti è stata quella fatta di attività senza smartphone, compiute all’aria aperta – come giocare a calcio – o in famiglia, ad esempio preparando un dolce assieme alle madri. L’evento si è concluso con un balletto e l’esecuzione dell'Inno alla gioia da parte di studentesse e studenti.